immagine articolo

Chef Cristiano Tomei

“Voglio che la Scuola sia sempre più umana: è importante insegnare agli iscritti come si lavora in una cucina, come ci si rivolge a un nostro collega. La mia missione è quella di dare un po’ di me a Scuola Tessieri.”(Chef C.Tomei)


Da Gennaio 2018 supervisore didattico di Scuola Tessieri è il talentuoso chef del ristorante stellato “L’Imbuto” (Lucca).

«Il cibo è cultura. Chi vuole intraprendere il difficile percorso della cucina professionale deve conoscere dove vive, cosa lo circonda. Bisogna viaggiare. Quando si conosce gli altri si conosce meglio sé stessi: questo è un passaggio fondamentale», afferma l’istrionico chef. Cristiano Tomei usa ogni tecnica in cucina: dalla marinatura del tuorlo nell’acqua dei pelati, all’ostensione del piccione appeso per ore sopra una piastra calda; dalla cottura delle radici sotto sale, all’infusione a freddo di terra e acqua come base per una zuppa.
Eppure è un cuoco autodidatta: diplomato all’Istituto Nautico, si è formato aiutando nei pranzi di famiglia a base di arselle della sabbia di Viareggio e asparagi selvatici delle colline tra Lucca e il mare, viaggiando con gli amici surfisti ma lasciandoli poi tra le onde per andare esplorare i mercati, le bettole e i ristoranti gourmet dei Paesi Baschi, Cuba, Perù, Madagascar e India.

Ha aperto il suo primo ristorante a 27 anni direttamente in spiaggia per poi trasferirlo nel centro di Viareggio e infine a Lucca, dove oggi dirige oggi un’affiatata brigata di cinque persone più gli stagisti di turno, e dove ha guadagnato la sua prima stella Michelin nel 2014. Frequente ospite di vari programmi televisivi – da “La prova del cuoco” a “Masterchef Magazine” – è giudice del talent show culinario “I re della griglia”. Lo chef usa sì tutte le tecniche del mondo, ma solo materia prima locale: pesce del Tirreno; carni, latticini, frutta e verdura della Garfagnana; le erbe, le bacche, i germogli e i fiori selvatici che ogni giorno raccoglie in pineta e nei prati che frequenta da quando era bambino.

A Scuola Tessieri porta un gran cuore ed un’idea di cucina che si fonda su uno dei valori più grandi: l’umiltà.

Condividi l'articolo

Hai trovato l'articolo interessante? Lascia un commento