immagine articolo

Pronti per la loro prima stagione estiva: gli studenti del XII Corso Professionale di Pasticceria si diplomano ed entrano nel mondo del lavoro

in News - il 20 Maggio 2019

Gli studenti della XII edizione del Corso Professionale di Pasticceria hanno concluso la scorsa settimana con successo il proprio percorso accademico!

Per ottenere il diploma di Pasticcere di Scuola Tessieri hanno sostenuto l'esame teorico e pratico che contraddistingue il percorso professionale della scuola di cucina e pasticceria più grande del Centro Italia.

Come si struttura la prova pratica del Corso Professionale di Pasticceria?

 

Due giorni di prova pratica, finalizzati alla creazione di un proprio carrello di prodotti da presentare ad una commissioni di esperti

In giuria all'esame della XII edizione: Mario Ragona e Raffaele Musacco, Coordinatori didattici del Corso, Alessio Tessieri, Direttore di Scuola Tessieri ed il Pastry Chef Massimo Davitti, Capo Pasticcere della Pasticceria Gilli di Firenze.

Gli studenti lavorano alla preparazione di un ricco Carrello di Prodotti, che comprenda preparazioni dolci e salate.

Il Corso Professionale di Scuola Tessieri comprende infatti non solo una parte di formazione sulla Pasticceria, ma comprende anche ore di lezione su Pizzeria e Panificazione.

Il Carrello dei Prodotti parla non solo delle abilità e della preparazione del singolo studente, ma racconta anche delle loro ambizioni, avendo la possibilità di personalizzare il prodotto a piacere.

La Scuola che guida nel mondo del lavoro

 

Grazie ad il suo metodo improntato sulla pratica, che prevede un 80% delle ore svolte direttamente in laboratorio, Scuola Tessieri garantisce la possibilità di potersi facilmente inserire nel mondo del lavoro una volta terminato il Corso Professionale.

A facilitare tale processo, il Periodo di Stage Garantito, che assicura agli studenti del Corso professionale due mesi di stage in importanti strutture in tutta Italia.

⇒ Scopri le strutture convenzionate per gli Stage

 

Condividi l'articolo

Hai trovato l'articolo interessante? Lascia un commento