immagine articolo

La rivincita del cavolo nero

in News - il 07 Gennaio 2021

Lo conoscono tutti come il protagonista indiscusso della ribollita Toscana, ma il cavolo nero, anche famoso come cavolo nero di Toscana, è tra le verdure più utilizzate in cucina da chef e appassionati nel periodo invernale. Zuppe, torte salate ma anche originalissime chips al forno, il cavolo nero è un ingrediente versatile che può essere il protagonista di tante ricette gustosissime, ma soprattutto sane.

Il suo antenato è il cavolo selvatico, originario dell’Asia Minore e introdotto in Europa dai celtici; fa parte della famiglia dei cavoli “da foglia”, che a differenza dei cavolfiori e dei broccoli, non crescono da un tronco centrale ma sono formati da un lungo cespo di foglie scure, quasi bluastre e rugose. Come molti cavoli, quello nero è ricco di antiossidanti, sali minerali, Omega 3 e vitamine. E oltre ad aggiungere quel quid particolare ad ogni piatto, è anche un formidabile alleato per la salute: è un antinfiammatorio naturale, è in grado di rinforzare le difese immunitarie, è utile nella prevenzione dei tumori ed è uno scudo naturale contro l’influenza.

Ma come gustare il cavolo nero senza perdere le sue proprietà? I docenti di Scuola Tessieri ci suggeriscono quattro modi per mantenerne intatto il sapore.

Crudo:

Un metodo infallibile per conservare intatte tutte le proprietà di questo ortaggio è sicuramente quello di consumarlo a crudo. Perfetto per un’insalata agrodolce con arance e nocciole tostate o per una centrifuga di vitamine.

Bollito:

Staccare le foglie dal cespo con le mani e lessarle in acqua bollente salata per tre minuti, poi scolare direttamente in una bacinella di acqua fredda con ghiaccio: in questo modo le foglie manterranno il loro colore brillante. A questo punto può essere utilizzato per creare un involtino vegetariano o una pasta che si farà cuocere nella stessa acqua di cottura del cavolo nero.

Al forno:

Gustose le chips di cavolo nero al forno. Si tratta di uno spuntino nutriente e sfizioso da proporre anche come aperitivo a degli ospiti. Basterà lavare e asciugare le foglie, stenderle su una leccarda coperta da un foglio di carta forno e spennale ciascuna foglia con dell’olio e del sale. Dopo 10 minuti in forno a 180° avremo delle chips croccanti da gustare in compagnia.

Zuppe e Ribollita:

Una volta lavato e tagliato il cavolo nero, basterà aggiungerlo alla minestra crudo, lasciarlo sobbollire insieme agli altri ingredienti e questo regalerà a tutte le vostre zuppe un gusto unico. Il suo retrogusto un po’ amarognolo può, per esempio, smorzare la dolcezza di una vellutata di zucca.

Condividi l'articolo

Hai trovato l'articolo interessante? Lascia un commento